IL RUOLO DELLE VITAMINE D3 E K2 NEL BENESSERE QUOTIDIANO

Approfondiamo l'importante beneficio che le vitamine D3 e K2 apportano al nostro organismo per il benessere quotidiano

22 febbraio 2022 Da
Dott.ssa Zora Del Buono

La vitamina D è un gruppo di pro-ormoni liposolubili, fra i quali più importanti sono la vitamina D2 e soprattutto la vitamina D3 o colecalciferolo. Essa viene sintetizzata grazie all’energia solare da uno steroide derivato dal colesterolo presente nelle ghiandole sebacee della cute dei mammiferi. In genere, l’esposizione solare copre il 90% del fabbisogno di vitamina D, mentre il restante 10% dipende dall’alimentazione. In ogni caso, sia che la Vitamina D3 venga sintetizzata nella cute, sia che provenga da fonti alimentari, deve essere sottoposta ad un processo in 2 tappe per convertirsi nella sua forma attiva: innanzitutto viene trasformata nella sua forma di deposito, 25 (OH) D, nel fegato, e successivamente nella sua forma attiva 1,25(OH)2D nei reni. È in questa forma che comunicherà con le cellule di tutto il corpo per controllare una moltitudine di funzioni. Negli Stati Uniti ben il 42 % della popolazione è deficitario di questo nutriente chiave (1) e si stima che circa un settimo della popolazione mondiale lo sia. (2) Sono considerati valori normali di 25(OH)D quelli compresi tra 30 a 60 ng/mL. La dose di mantenimento per gli adulti varia tra le 1000 e le 4000 UI al giorno. Per ciò che riguarda le “dosi di attacco”, somministrate mensilmente o bimensilmente, sembra che non siano adatte a tutti. Nelle persone anziane, dosi elevate possono peggiorare il declino cognitivo (3). L’esperienza clinica suggerisce che un dosaggio personalizzato in base al BMI (indice di massa corporea) consente di ottenere risultati migliori in soggetti carenti (4), potendosi utilizzare in soggetti obesi dosaggi 3 volte superiori. A livello cellulare la vitamina D3 nella sua forma attiva interagisce con il suo recettore nucleare, regolando così la trascrizione di moltissime proteine, con effetto epigenetico. Fra le sue funzioni vi sono quelle di: supportare la salute del nostro apparato scheletrico-cartilagineo, dei nostri denti, la funzionalità del nostro sistema immunitario, una sana funzionalità dell’apparato cardiovascolare ed un corretto peso corporeo, il nostro ritmo sonno/veglia e la salute del sistema nervoso. 

NON ESISTE una vera tossicità da VITAMINA D ma esiste tossicità da IPERCALCEMIA - ovvero l'eccesso di calcio circolante che viene ricaptato dall’intestino. È per tale motivo che la vitamina D lavora meglio, in caso di alti dosaggi, se viene associata alla vitamina K2. La vitamina K2 attiva un meccanismo biochimico che “richiama” il calcio nelle ossa evitando che si depositi nelle arterie o che circoli liberamente aumentando le contrazioni muscolari (5).  Agisce come cofattore, necessario per regolare la produzione di collagene, rinforzare il tessuto cartilagineo e le articolazioni ed in sinergia con la vitamina D contrasta la perdita di densità ossea. (6). Nel Framingham Heart Study, la dose di vitamina K associata a una diminuzione del rischio di frattura dell’anca era di circa 250 μg/giorno (7).  Una pubblicazione del 2017 riassume le prove disponibili sull’interazione sinergica tra le vitamine D e K per la salute ossea e cardiovascolare (8). I risultati suggeriscono che il trattamento combinato con le vitamine D e K sia più efficace dell’assunzione separata.  Se vi è familiarità per aterosclerosi o vasculiti, è bene valutare accuratamente l’assetto lipidico globale, i dosaggi di vitamina D e PTH, e privilegiare l’assunzione di DK Nobile, rispetto alla sola Vitamina D, così come se vi sono importanti situazioni osteoporotiche per la sua capacità di stimolare l’attivazione del metabolismo degli osteoblasti con migliore deposizione dell’osso. Il Lichene è in DK Nobile la preziosa fonte di Vitamina D3 di origine vegetale, dunque adatta anche per integrare la dieta di vegetariani e vegani. L’assorbimento, che viene ottimizzato se in mezzo oleoso, è reso ideale dall’olio di oliva ottenuto dalla Cultivar Coratina, caratterizzato dall’altissima concentrazione di polifenoli, ottimi antiossidanti. La vitamina K2 viene ottenuta dalla fermentazione naturale di farina di ceci.  


Il dosaggio di Vitamina D, 50 mcg - 2000 UI  per dose max giornaliera - 20 gocce pari a 0,6 g

Vitamina K 200 mcg, copre i fabbisogni ed è facilmente modulabile. Se ne consiglia l’assunzione durante o dopo i pasti. La vitamina K2 va utilizzata con prudenza nel caso in cui si faccia uso di farmaci anticoagulanti. Vi sono studi in atto che esprimono delle cautele in coloro che sono portatori della mutazione MTHFR e per coloro che hanno il favismo. In caso di positività alla mutazione MTHFR, si consiglia di assumerla solo 1 mese ogni 3 e non in modo continuativo. Va evitata invece l’assunzione in caso di favismo, malattia caratterizzata dal deficit dell’enzima Glucosio-6-fosfato deidrogenasi (G6PD). In soggetti affetti da Calcolosi renale, per evitare che l’aumento di assorbimento intestinale di calcio possa peggiorare il quadro clinico, basterà aumentare l’apporto idrico (bere di più, acqua a basso residuo fisso), ridurre nella dieta l’apporto di latticini o in genere di derivati del latte, ed aumentare il movimento.  Se si superano i dosaggi consigliati la integrazione deve essere personalizzata da medico o nutrizionista esperti. 


Bibliografia

1-Kimberly YZ Forrest et al Nutr Res 2011

2-Wacker M, et al, 2013 Nutrients 

3-JAMA Intern Med. 2016 

4-Dalle Carbonare L et al. 2017

5-Dr. Ronald Canejo CRM 11.375

6-Rajakumar K et al. 2020

7-Aloia JF et al. Am J Clin Nutr. 2014

8- van Ballegooijen, Adriana J Et al. International journal of endocrinology, 2017