L’ALLERGIA: CHE RIMEDI CI OFFRE LA NATURA?

Nell'articolo di questo mese la Dott.ssa Zora del Buono, medico esperto in fitoterapia, ci illustra i rimedi naturali utili per affrontare le riniti allergiche, sempre più frequenti in questo particolare periodo dell'anno.

15 febbraio 2021 Da
Dott.ssa Zora Del Buono

L’allergia indica una anomala modalità di reazione di un individuo allo stimolo di determinate sostanze dette “allergeni”, innocue per la maggior parte delle persone, che su base costituzionale o ereditaria favorisce reazioni di ipersensibilità immediata. 

Si stima che siano allergici circa il 20% degli adulti e circa il 25% dei bambini (percentuali in crescita). Nel sistema immunitario i linfociti Th1 sono importanti per le reazioni di risposte verso gli agenti infettivi batterici ed agenti patogeni intracellulari (virus) ed i linfociti di tipo Th2 nelle reazioni allergiche IgE-mediate. Nel soggetto allergico sussiste un sostanziale sbilanciamento a favore della polarità Th2, a causa di fattori quali Genetica, ambiente di vita, inquinamento, esposizione elevata agli allergeni, fumo e dieta. La presa in carico dei pazienti allergici con la medicina integrata e nello specifico con l’uso dei fitoterapici permette di trovare soluzioni efficaci per ribilanciare il terreno e ridurre gli effetti iatrogeni.  La rinite intermittente da allergeni stagionali si caratterizza principalmente per la comparsa di prurito nasale, starnutazioni, rinorrea acquosa. La rinite allergica persistente da allergeni perenni ha invece come sintomo prevalente l’ostruzione nasale. L’interessamento della mucosa nasale spesso si associa a un contestuale interessamento della mucosa oculare che si manifesta con lacrimazione, prurito e iperemia congiuntivale, configurando il quadro della rinocongiuntivite allergica.

Il DRENAGGIO è essenziale in tali pazienti ed il fitoterapico più utile è un gemmoderivato di Ribes Nigrum con azione sul microcircolo, sul corticosurrene, antinfiammatoria e stabilizzatrice del rilascio di istamina, senza dimenticare l’uso di pre e probiotici. Dobbiamo infatti ricordare che l'alterazione del microbiota intestinale e della barriera intestinale innescano sia la degranulazione dei mastociti che la produzione di istamina e prostaglandine da parte delle cellule della mucosa, con effetto sui sintomi sia respiratori che cutanei di allergia, in particolare edema e secrezione. 

Il Fitoblasto Ribes Nigrum si utilizzerà 2 volte al giorno, una alla mattina e una al pomeriggio, durante la stagione delle allergie, 25-50 gocce diluite in acqua, lontano dai pasti. Nei bambini 1 gtt per anno di vita 2 volte al di. 

Fra i sintomatici risulta utile tra i composti Erbenobili, Allergvin compresse. Il prodotto è sinergia di Liquirizia ( Glycyrrizha Glabra radice), che riduce i sintomi di allergia ed è emolliente e protettiva sulle mucose; Piantaggine antiflogistica e antiallergica, che grazie alla Aucubina riduce la sintesi di sostanze infiammatorie; Camomilla antinfiammatoria ed antiprurito, Ortica inibitrice delle citochine proinfiammatorie, MSM composto a base di zolfo organico con caratteristiche antiallergiche, quercetina ad azione  antinfiammatoria ed antistaminica , vitamina C antiossidante, Omega 3 e vitamina B5 modulatrice dell’attività surrenalica. Al dosaggio di 2 - 4 compresse al dì attenuerà i sintomi sia dell’oculorinite che delle orticarie su base allergica. Completeremo con pre e probiotici, di Erbenobili, Fortif 1, dosaggio consigliato,1 capsula dopo i due pasti principali per 21 giorni al mese, in cicli da ripetere almeno 2 volte all’anno.