PREVENZIONE E TRATTAMENTO DELLA DIARREA DEL VIAGGIATORE

Una delle problematiche intestinali ricorrenti in estate è la diarrea del viaggiatore, è essenziale conoscere come prevenirla e trattarla in vacanza

13 agosto 2020 Da
Dott.ssa Tiziana Persico

La “diarrea del viaggiatore (DDV)”, detta anche “Vendetta di Montezuma”, è un’enterite, un’infiammazione che prende al primo tratto dell’intestino.


Nella maggior parte dei casi è di origine infettiva, ma anche lo stress del viaggio, il cambio di alimentazione, il clima possono essere responsabili di questa problematica. E’ un evento molto comune in estate e si caratterizza per le diverse sintomatologie del tratto gastrointestinale, che vanno dalla più comune diarrea, crampi addominali, nausea ed anche febbre.


In questa condizione l’intestino è continuamente sollecitato ed è importante quindi cercare di prevenirla attraverso sia l’alimentazione, mangiando cibi ben cotti, evitando bevande ghiacciate che possono determinare l’aumento della peristalsi intestinale e un blocco nella digestione gastrica, e soprattutto assicurandosi che l’acqua provenga da bottiglie chiuse, e sia l’utilizzo di probiotici che mantengono l'equilibrio della flora batterica intestinale.

In caso di dissenteria, tra le varie problematiche che si presentano, c’è una notevole perdita di liquidi che devono essere prontamente reintegrati, è fondamentale però ripristinare l’equilibrio idro-elettrolitico , perché le scariche determinano si la disidratazione , ma è importante non solo introdurre acqua, ma anche i sali minerali, è utile quindi utilizzare ad esempio multiceleste che presenta oligoelementi come magnesio, potassio, calcio, e sodio che permettono un riequilibrio osmotico.

Di solito, soprattutto quando la sintomatologia è molto pronunciata, viene indicata una terapia antibiotica, ed è quindi fondamentale ripristinare e ristabilire l’integrità intestinale attraverso l’utilizzo di particolari ceppi batterici che hanno un’azione antidiarroica come il S. boulardi, contenuto nel Fortif Plus. L’efficacia di questo ceppo batterico è adatta sia per prevenire sia per il trattamento della malattia diarroica, risultando essere quindi fondamentale avere sempre con se in vacanza.